Digitale terrestre e satellitare: come scegliere il più adatto

Home » Blog » Digitale terrestre e satellitare: come scegliere il più adatto

Digitale terrestre e satellitare: come scegliere il più adatto

Ancora oggi alcuni fanno confusione tra digitale terrestre e satellitare.
Vediamo con attenzione quali sono le caratteristiche e le differenze di questi dispositivi.

Decoder digitale terrestre: cos’è e come funziona

Il passaggio totale alla tv digitale terrestre (DTT), completato in Italia il 4 luglio 2012, ha consentito la trasmissione dei contenuti televisivi non più per via analogica, ma solo per via digitale; ciò però ha comportato la necessità di utilizzare un apposito decoder o un televisore con decoder incorporato.

Nel mercato sono presenti vari modelli di decoder per il digitale terrestre, ognuno con differenti funzionalità offerte e con l’eventuale presenza di componenti aggiuntivi quali un hard disk interno per la registrazione dei programmi. In genere si fa la seguente distinzione fra:

  • decoder che consentono la ricezione dei soli canali in chiaro, chiamati anche decoder zapper e contrassegnati con un bollino grigio DGTVi;
  • decoder che oltre ai canali in chiaro consentono la fruizione di programmi a pagamento e servizi interattivi (ad esempio quelli di Mediaset Premium), contrassegnati con il bollino blu DGTVi;
  • decoder che consentono la visualizzazione di programmi in alta definizione, sia in chiaro che per la Pay TV, contrassegnati con il bollino gold DGTVi.

Decoder digitale satellitare: cos’è e come funziona

I decoder satellitari decodificano il segnale veicolato tramite tecnologia digitale satellitare. La grande differenza rispetto ai decoder digitali terrestri è nell’utilizzo di un’antenna parabolica che riceve il segnale satellitare per permettere al decoder, a cui è collegata via cavo, di decrittarlo.

Anche per i decoder digitali satellitari esiste una distinzione che, come notate, è molto simile a quella dei decoder terrestri:

  • decoder che dà accesso ai soli canali in chiaro con definizione standard;
  • decoder che consentono la visualizzazione dei canali a pagamento della Pay TV (l’esempio tipico è Sky);
  • decoder con supporto ai canali della Pay TV in alta definizione a 720p (HD Ready);
  • decoder con supporto ai canali della Pay TV in Full HD a 1080p.
03 aprile 2015|Tags: , |